COLDPLAY (seconda parte)

Oggi continueremo a parlare della storia dei Coldplay, siamo rimasti nello scorso episodio all’ album mylo xyloto e con il loro nuovo successo mondiale intitolato “paradise”.

I lavori sono iniziati per il loro prossimo  album alla fine del 2012 , intitolato “ghost stories” dove i produttori di lunga data Paul Epworth, Daniel Green e Rik Simpson si sono uniti a loro per le sessioni. La band ha esplorato le trame dell’elettronica indie e del synth-pop.

Mentre lavoravano all’ album, Chris Martin e sua moglie hanno annunciato la loro separazione.

Il matrimonio tra il frontman e la moglie finisce dopo un decennio  e due figli, Apple, 14 anni, e Mosé, 12.

I singoli di platino di questo album sono “Magic” e l’inno elettronico assistito da Avicii intitolato “A Sky Full of Stars”

 sono diventati i primi dieci successi nel Regno Unito mentre sono saliti tra i primi 15 nelle classifiche statunitensi. I Coldplay hanno promosso brevemente l’album  in un tour di sei date che ha visto la band suonare in spettacoli intimi a New York, Los Angeles, Parigi, Tokyo, Sydney e la loro città natale Londra.

Sono arrivate Le registrazioni di quel tour, Ghost Stories in un Live del 2014, un pacchetto audio / video che conteneva versioni live di ogni canzone dell’album.

Poco dopo aver terminato i loro doveri promozionali per Ghost Stories, i Coldplay sono tornati in studio per lavorare al loro settimo LP. Registrando a Los Angeles e Londra, la band ha collaborato con Noel Gallagher, Beyoncé, e altri , e  con i produttori Rik Simpson e Stargate. il singolo principale è stato “Adventure of a Lifetime”, è arrivato nel novembre 2015, solo poche settimane prima dell’uscita dell’ album  full-length A Head Full of Dreams. Il loro settimo numero uno consecutivo nel Regno Unito, l’album includeva successi internazionali multiplatino “Hymn for the Weekend” (che ha raggiunto il numero sei nel Regno Unito e il numero 25 negli Stati Uniti), “Up & Up” e “Everglow”.

Ho trovato su internet un articolo della rivista  “il tempo” dove Chris fece questa intervista dicendo come è nata everglow.

AFacevo surf con un amico quando la canzone è uscita fuori da sola. Parla di quando una relazione è finita e qualcuno è andato via. “Everglow” spiega che ti possono accadere le cose più strane, ma il mondo va avanti, e così anche tu devi farlo. Per questo ho pensato che la mia ex moglie fosse la persona più adatta a cantarla. Mi piace l’idea che dalle cose negative se ne possano trarre altre molto più positive». Un riassunto esemplare di come nella vita e nell’arte sia necessario cambiare pelle mille volte più del previsto.

 La band ha intrapreso il tour di 144 date dell’album A Head Full of Dreams, esaurendo gli stadi di tutto il mondo.

 Mentre erano in viaggio, i Coldplay, pubblicarono “Something Just Like This”, una collaborazione con il gruppo the Chainsmokers che apparve nell’album “memories… Do Not Open” dei Chainsmokers e sull’EP Kaleidoscope dei Coldplay.

 Il 15 novembre 2017 a Buenos Aires,  la band ha suonato nello spettacolo finale del loro viaggio, che è diventato il terzo tour di concerti con il maggior incasso di tutti i tempi fino ad oggi. Un anno dopo, hanno coronato l’era di Head Full of Dreams con l’uscita del CD / DVD Live in Buenos Aires / Live in São Paulo, così come il documentario di carriera A Head Full of Dreams, diretto da Mat Whitecross (Supersonic ).

Il 22 novembre 2019 i Coldplay hanno pubblicato l’ottavo album in studio Everyday Life,[95] anticipato dal doppio singolo Arabesque/Orphans e dall’omonimo brano.

Per la sua promozione sono stati appesi alcuni poster in bianco e nero ritraenti il gruppo e la data 22 novembre 1919 in alcune città del mondo, tra cui Berlino, Hong Kong, Madrid e Sydney.[98] Il primo concerto inerente al disco, invece, si è svolto ad Amman (in Giordania) , in occasione di un evento congiunto con YouTube.

Sempre in Giordania, il frontman Chris Martin ha rivelato di essere mal disposto nei confronti di future manifestazioni dal vivo come i concerti a causa delle conseguenze ambientali, spiegando che «Ci prenderemo del tempo nei prossimi anni per trovare un modo in cui i nostri tour possano non solo essere sostenibili ma anche avere degli effetti positivi».

Siamo arrivati ai giorni nostri e guardando al passato penso che questa band ha lavorato duramente per non restare mai fermi sui loro passi e cercare di evolvere album dopo album cercando di emozionare sempre con tempi mportanti.

I Coldplay nel corso della loro carriera, in special modo nei primi tre album, hanno saputo rivitalizzare le atmosfere del movimento britpop ? (genere nato intorno agli anni novanta) miscelandolo con influenze del rock alternativo. Con l’album Viva la vida sono passati a uno stile  più in linea con le tendenze indie, rock e pop degli ultimi anni. Allo stesso tempo la sperimentazione e la ricerca di nuove sonorità ed accostamenti non viene a mancare, ed è lo stesso Chris Martin che afferma che Mylo Xyloto è il migliore disco che la band potesse fare, e che se non ci saranno dei lavori migliori in futuro forse non ci sarà futuro nemmeno per i Coldplay.

Con Ghost Stories il gruppo ha dichiarato di voler tornare ad uno stile che più gli appartenesse e più somigliasse a quello dei primi due album , inserendo brani acustici che più si avvicinassero allo stile del primo album Parachutes ma anche sperimentando canzoni più elettroniche; tuttavia in A Head Full of Dreams vi è un ritorno alle sonorità pop di Mylo Xyloto, con nette differenze rispetto al precedente album.

Siamo arrivati alla fine di questa storia. Che dire una band di tutto rispetto a mio avviso che ha cercato di dare molti insegnamenti con le loro canzoni, ci resta nel sperare che da qui a qualche anno ci siano dei nuovi lavori con dei brani che ritorneranno a farci emozionare.

Spero che vi sia piaciuto il modo in cui ho elencato i vari passaggi della biografia e discografia dei Coldplay, se così fosse vi invito a mettere mi piace e condividere il più possibile affinché più persone possano conoscere queste storie legate alla musica.

Voglio chiudere con una citazione:

Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare.
(Winston Churchill)